======================================================

Itinerario 1. 3, pagina 3.

1.3.3 Per una termodinamica bidirezionale.

In questa ricerca sono emersi dei fenomeni ove si avrebbe diminuzione di entropia senza degrado di energia, grazie a processi cumulativi dissipativi.

======================================================

Premesse.

La risposta alle preoccupazioni di J. C. Maxwell e di altri, la danno i semi, mostrando il tassello mancante del mosaico, supposto da Erwin Schrœdinger.

Dal modo in cui io riesco a sfruttare il ciclo cumulativo-dissipativo dei semi, per ottenere l'aumento dei raccolti, propongo ora la mia interpretazione della fisica dei fenomeni studiati.

È inteso che questa mia interpretazione può essere confermata, o modificata, da altri ricercatori.

Scambi di calore coerenti con il movimeto.

Nell’esperimento E, i semi rivelano di poter diminuire entropia, senza degrado di energia, alla fine del ciclo cumulativo dissipativo, utilizzando il loro movimento angolare rispetto a dell'altra materia, se detto movimento è accompagnato da scambi di calore.

Quando i semi stanno per aumentare il loro movimento rispetto a dell'altra materia, ad uno dei valori di velocità angolare critica, e stanno, nello stesso tempo accumulando calore, esso sono in fase cumulativa.

Quando i semi stanno per diminuire il loro movimento angolare rispetto a dell'altra materia, ad uno dei valori di velocità angolare critica, e stanno, nello stesso tempo, dissipando calore, essi sono in fase dissipativa.

Efficienza del ciclo ed energia utilizzata.

Fino ad un punto della temperatura in fase cumulativa, c’è una stretta relazione tra efficienza del ciclo nel diminuire l’entropia, e quantità di energia gestita nei due processi opposti, prima presa in prestito in fase cumulativa, poi restituita in fase dissipativa.

Ciò mi porta a pensare che l’energia sotto forma di calore viene solo utilizzata per favorire i due processi opposti, ma che, alla fine, viene restituita senza essere stata degradata.

Una forza conseguente dovuta al movimento.

Le osservazioni e gli esperimenti, presentati nell'itinerario 1.2, su come i semi recuperano ed aumentano la loro capacità di germinare, mi hanno permesso di mettere a punto la procedura di semina descritta nell'itinerario 1.1, utile al recupero e all'aumento della loro capacità germinativa.

Quanto detto nei primi due itinerari, e quanto detto finora in questo, mi permette ora di postulare che esiste, accanto alla gravità, un’altra forza conseguente, definita da me come “forza dovuta al movimento angolare rispetto a dell'altra materia”, e che per brevità io chiamo “forza d”.

Come succede con l'altra forza conseguente, la gravità, l'azione della “forza d” non comporta degrado di energia.

La “forza d” produce degli effetti a due condizioni.

Abbiamo gia visto la prima condizione: che vi siano contestuali scambi termici coerenti con il movimento. Senza scambi termici coerenti, la “forza d” rimane non operativa.

La seconda condizione è che la velocità angolare deve essere una di quelle critiche.

A causa della seconda condizione, la “forza d” agisce solo durante brevi episodi di interazione.

Alla fine di un ciclo.

Alla fine di un ciclo, si avrebbe così aumento della capacità germinativa dei semi, e una diminuzione di entropia, senza degrado dell'energia utilizzata sotto forma di calore, in quanto questa viene presa in prestito, ma poi restituita a completamento dei processi, senza essere degradata.

È così che la seconda legge della termodinamica verrebbe elusa, raggirata: diminuzione di entropia, senza degrado di energia.

segue

======================================================

Interpretazione dei fenomeni.

1.3.1 La termodinamica a senso unico.
1.3.2 Una questione di fondo già posta.
1.3.3 Per una termodinamica bidirezionale.
1.3.4 Forze conseguenti.
1.3.5 Il ciclo di germinabilità - dal caos all'ordine.
1.3.6 La “forza d” come segreto della vita sulla Terra.

indice-1 ||| © avviso di diritto d'autore