Itinerario 2.4, pagina 6.

===================================================

Il ritardo tra azione degli astri generatori ed effetti dà luogo ai bacini di marea.


Unità di spazio di un'onda di marea.

[P3] E' il ritardo tra azione degli astri generatori (Luna, Sole), e gli effetti (onde di marea), che dà origine alla formazione di più unità di spazio, chiamate bacini di marea.

Ecco la ragione per la quale non vi è solo un'onda di marea per ciclo, ma diverse; un'onda di marea per ogni bacino; ognuna di esse non si sposta verso ovest, da un meridiano al successivo, ma in maniera grossomodo circolare, all'interno del suo proprio bacino.

In senso orario, se si è nell'emisfero sud; in senso anti-orario, se si è nell'emisfero nord. A ragione di come viene messa a fuoco l'azione dei corpi celesti, al variare dell'inclinazione dell'asse terrestre rispetto a Luna e Sole.

Bacino Est del nord Atlantico, dove l'onda di marea passa due volte al giorno, come avviene in buona parte dei bacini.

Figure nr. 1.

La curva cotidale in rosso mostra ove, mediamente, si trova l'onda di marea al passaggio della Luna sul meridiano, o dove si trova quando la Luna passa sul meridiano opposto. Nelle ore successive, l'onda di marea si sposta sulle curve cotidali successive, in senso anti-orario, trovandosi il bacino nell'emisfero magnetico nord.

I continenti fanno ostacolo.

[P1] Di solito, le due onde bi-diurne di marea avanzano da un meridiano al successivo, verso ovest. Tuttavia, esse sono deviate verso l'equatore, perché i continenti sono di ostacolo. In tale modo, le onde di marea sono deviate.

I continenti non sono di ostacolo.

[P3] Non è vero. Basta considerare i bacini di marea negli oceani che si estendono molto in senso longitudinale (Pacifico, Indiano).

Figure nr. 2.

courtesy NASA \ Po.Daac.

Ogni bacino ha la sua onda di marea. Ogni onda di marea, invece di muoversi verso ovest, gira ai bordi del proprio bacino, e attorno al suo punto amfidromico.

Ciò è vero per tutti i bacini; per quelli che hanno come confine ovest un continente; come pure per quelli che hanno come confine ovest un oceano aperto e profondo.

segue

===================================================

Le pagine dell'itinerario 2.4:

2.4.1 Confronto sulle maree - introduzione.
2.4.2 Due differenti descrizioni delle maree.
2.4.3 La formula fisica valida per le maree.
2.4.4 Il rapporto delle forze.
2.4.5 Numero delle onde di marea.
2.4.6 Unità di spazio di un'onda di marea.
2.4.7
Quando Terra, Luna e Sole sono allineati.
2.4.8
Le diverse cadenze delle maree.

indice-2 ||| © avviso di diritto d'autore