Itinerario 2.4, pagina 8.

===================================================

Mentre la Terra compie un giro sul suo asse, nella maggior parte dei bacini, vengono prodotte due onde di marea; in un numero ridotto di bacini, solo una.


[codice colore: P1 teoria corrente; P2 proposizioni neutre; P3 approccio induttivo]

Le diverse cadenze delle maree.

[P2] Il tema della cadenza della marea è uno dei punti cruciali. In effetti, se la forza che causa le maree può generare in alcuni bacini una sola onda al giorno, e nello stesso tempo, in altri bacini, due onde al giorno, allora qui c'è una ulteriore ragione per dire che questa forza non può essere l'attrazione, ma qualcos'altro.

Nella teoria corrente.

[P2] Nella teoria corrente, la causa della marea (attrazione) et l'effetto (formazione dell'onda di marea) sono visti come aver luogo quasi nello stesso tempo. Non sorprende che il criterio della cadenza di una marea sia data dal numero di onde di marea che arrivano sulla costa.

[P1] Se l'onda di marea arriva sulla costa due volte al giorno (è la norma), si dice che la cadenza della marea è bi-diurna.

In alcuni bacini, l'onda di marea arriva una volta al giorno. Si dice allora che la cadenza è diurna.

[P2] Due affermazioni incompatibili con la causa gravità.


Declinazione degli astri generatori.

[P1] La causa delle diverse cadenze viene attribuita alla declinazione degli astri generatori.

Invero, nei mari situati alle alte latitudini, ove la declinazione della Luna raggiunge valori molto elevati, si riscontrano maree a cadenza diurna.

Ma succede anche nei mari tropicali.

[P3] Anche nei mari tropicali vi possono essere delle maree a cadenza diurna (esempi: mare di Cina, golfo del Messico).

E' pur vero che alle alte latitudini, le declinazioni degli astri hanno effetti maggiori sui tempi degli spatioli. Non è questo però il punto decisivo.

In rapporto ad un dato bacino di marea, le declinazioni di Luna e Sole, possono cambiare solo i tempi - anticipandoli, o ritardandoli - della generazione della marea. Fino anche alla fusione delle due onde. Tuttavia, le declinazioni non determinano la cadenza del bacino considerato.

Distinzione tra generazione e onda di marea.

Se si deve determinare la cadenza dell'onda di marea in un bacino, i passaggi per giorno, sulla costa, dell'onda di marea non rappresenta un dato affidabile.

Nell'approccio induttivo, si fa distinzione tra due episodi di un processo: (lista #18) la generazione della marea (quando l'acqua diminuisce di densità), e (#23) l'arrivo successivo sulla costa dei componenti dell'onda di marea.

Il criterio a cui ci si riferisce, per determinare la cadenza del bacino, non è l'arrivo dell'onda sulla costa, ma la cadenza della generazione della marea.

Ad ogni bacino, la sua cadenza.

La forza che origina le maree sembra lo possa fare ad una cadenza di una onda al giorno, come pure ad una cadenza di due onde al giorno, in dipendenza della località. Quindi l'attrazione è esclusa.

La cadenza della generazione è netta.

In una data località, la generazione della marea ha una cadenza netta: ha una cadenza diurna, o bidiurna. Farebbero eccezione i bacini che cambiano cadenza con la stagione (un punto sospeso per mancanza di dati).

Cadenza diurna apparente.

Il numero di onde di marea che raggiunge la costa in un giorno è una conseguenza, da analizzare caso per caso.

Prego vedere un esempio di analisi, ove si vede un bacino a cadenza bi-diurna (due onde di marea /giorno) trasformarsi in apparenza in un bacino a cadenza diurna (una onda di marea /giorno).

Caratteristiche locali.

Le caratteristiche locali del magnetismo potrebbero essere la causa della diversa cadenza della marea.

Questa possibilità è una delle possibili interpretazioni suggerite dagli esiti dello esperimento B sui semi di girasole, ove, intervenendo con un magnete, la cadenza del ciclo sembra essere modificata da bidiurna, a diurna.

===================================================

==================================================

Le pagine dell'itinerario 2.4:

2.4.1 Confronto sulle maree - introduzione.
2.4.2 Due differenti descrizioni delle maree.
2.4.3 La formula fisica valida per le maree.
2.4.4 Il rapporto delle forze.
2.4.5 Numero delle onde di marea.
2.4.6 Unità di spazio di un'onda di marea.
2.4.7
Quando Terra, Luna e Sole sono allineati.
2.4.8 Le diverse cadenze delle maree.