1.1.4 – Perdita e recupero di germinabilità.

La migliore procedura di semina è per noi paradossale. Il seme segue un'altra logica: per poter creare dell'ordine (diminuzione di entropia), si deve prima favorire il disordine, ma senza esagerare.

===========================================================

© avviso di diritto d'autore ||| english ||| français

prologo > indice semi > 1.1 Gestione della germinabilità nei semi.

1.1.1 - Introduzione al ciclo cumulativo e dissipativo.
1.1.2 -
Durante brevi episodi d'interazione.
1.1.3 - La procedura di semina.
>
1.1.4 - Perdita e recupero di germinabilità.
1.1.5 - Esito raccolti in anno di bassa efficienza.
1.1.6 - Esito raccolti in anno di alta efficienza.
1.1.7 - Ottenere maggiore reddito in tempo di scarsità.
1.1.8 - Campi di applicazione.

Se su un tablet, impostare il display verticalmente; se su un smart phone, impostarlo orizzontalmente.

Per facilitare la lettura, conformare la colonna del testo sulla riga qui sotto.

===============================================================

--- 1 ---

Diverse probabilità dei processi nelle due fasi.

In fase cumulativa (periodi b-c; d-a nei grafici), le molecole tendono ad assumere molte configurazioni di energia elevata; in fase dissipativa (periodi a-b; c-d), esse tendono a cadere su poche configurazioni di bassa energia.

In pratica, la fase cumulativa si rivela essere funzionale a quella dissipativa. Entro certi limiti, per paradosso, i processi cumulativi danno origine ad opportunità per creare più ordine, e diminuire l'entropia.

Provo a dirlo con delle immagini.

È come se il seme, durante la fase dissipativa, potesse mettere a nuovo la propria casa. Questo lo può fare solo se, durante la precedente fase cumulativa, esso era stato un po' smembrato in tanti mattoni (in tante diverse configurazioni di energia), a causa della temperatura. Mattoni che in fase dissipativa vengono rimessi in un ordine di bassa entropia.

Se non c’è questo parziale peggioramento provvisorio in fase cumulativa, non ci può essere neppure il recupero di capacità germinativa in fase dissipativa.

È una specie di re-inizializzazione, di auto-organizzazione. Come succede nell'esperimento E.

Nella pratica.

In effetti, durante la fase cumulativa prima della semina, l'agricoltore metterà i semi nella condizione di perdere grado di capacità a germinare, aumentandone la temperatura, però senza esagerare. Comunque ben al di sotto dei limiti di temperatura che i semi possono sopportare.

In tal modo, egli metterà i semi in grado di attivare un meccanismo inteso a recuperare ed aumentare capacità germinativa, una volta che sono stati seminati nella successiva fase dissipativa, o, meglio ancora, poco prima del suo inizio.

--- 2 ---

Cambio di paradigma.

La scoperta di questo ciclo è un cambio di paradigma, destinato a suggerire migliori modalità di semina per aumentare i raccolti.

L'agricoltore potrà adottare liberamente la procedura di semina qui consigliata, in quanto essa è di dominio pubblico.

Procedura di semina in accordo con il ciclo.

La procedura di semina - ove viene tenuto presente il modo in cui la germinabilità varia - non presenta grandi problemi di essere accettata ed applicata da agricoltori apripista. Meglio se in coltivazioni in serra, ove è più agevole rispettare i tempi del ciclo.

Ho ragioni per ritenere che ci sono notevoli margini per migliorare ulteriormente la procedura.

continua