1.3.6 - La “forza d” come segreto della vita sulla Terra.

A causa dei suoi limiti operativi, la “forza d” produrrebbe effetti solo in pianeti aventi le rare caratteristiche che ha la Terra.

La Terra è un pianeta provvisto tra l'altro di una luna, sufficientemente massiccia e ancora vicina, che fornisce la “forza d” necessaria, grazie al suo movimento relativo, per esempio rispetto ai semi fermi sul terreno.

======================================================

prologo > indice > indice semi ||| © avviso di diritto d'autore ||| en ||| fr

Interpretazione dei fenomeni.

1.3.1 Secondo la termodinamica a senso unico.
1.3.2 Una questione di fondo già posta.
1.3.3 Per una termodinamica bidirezionale.
1.3.4 Forze conseguenti.
1.3.5 Il ciclo di germinabilità - dal caos all'ordine.
>1.3.6 La “forza d” come segreto della vita sulla Terra.

======================================================

La funzionale variazione del moto angolare.

Come già visto, il moto angolare della Luna, rispetto alla Terra, è caratterizzato, utilmente, da due fasi alternate. Per un periodo esso è in diminuzione (fase cumulativa: b-c; d-a), per un altro periodo, esso è in aumento (fase dissipativa: a-b; c-d).

Questa variazione del moto angolare della Luna, in due fasi è tra i segreti della vita sulla Terra.

Detta variazione rende possibile il meccanismo dei processi cumulativi dissipativi, la formazione di caos, da cui dopo si torna all'ordine di origine, la diminuzione di entropia, senza comportare degrado delle energie nell'universo, raggirando la seconda legge della termodinamica.

Campo magnetico.

Inoltre, il nostro pianeta è provvisto di un adeguato campo magnetico, che potrebbe rivelarsi essenziale nelle interazioni di questa forza, dovuta al movimento.

Se questa ipotesi venisse confermata, su Luna e Marte, senza campo magnetico adeguato, non potrebbero aver luogo i processi che questa forza permette.

Stabilire delle fattorie sulla Luna e su Marte, come qualcuno già conta di fare, potrebbe allora presentare problemi di difficile soluzione.

Non c'è la Terra B.

Senza degradare energia, la “forza d” permette di abbassare l'entropia nei semi, al vertice di quello che permette a valle le condizioni per la vita.

Ho ragioni di ritenere che i processi cumulativi-dissipativi abbiano luogo anche nell'acqua, anch'essa allo stesso vertice (vedere parte 2).

Tutto questo con implicazioni quanto allo status della Terra, come unico posto, nel sistema solare, ove può svilupparsi la vita. In altri termini, come giustamente viene detto, non c'è la Terra B.

====================================================